Sei qui: HomeNewsEditorialiEditoriale di "Assistenza al Volo" n. 4/2015

Editoriale di "Assistenza al Volo" n. 4/2015

Di recente è tornata agli onori della cronaca la posizione di responsabilità degli addetti alla professione sanitaria e l'impatto del loro comportamento professionale, nella fattispecie la prescrizione di esami clinici e accertamenti specifici, sul bilancio dello Stato.

Il Governo sta valutando d'inserire tagli lineari nelle prescrizioni mediche e sanzioni pecuniarie per i medici non "virtuosi" in funzione del fatto che una certa quantità di esse è ritenuta eccessiva e incide sulla spesa sanitaria nazionale nell'ordine del 10% circa.

I medici, da parte loro rivendicano il diritto di prescrivere quanto ritenuto necessario in virtù della loro professionalità e con l'unico obiettivo di tutelare la salute del paziente.

Ritornano quindi di massimo interesse i temi della cosiddetta "medicina difensiva" e in primis il decreto Balduzzi; contenere dunque gli effetti negativi della medicina difensiva inserendo una limitazione di responsabilità penale in caso di colpa lieve.

Ma è questo il reale problema che sottende l'intervento legislativo?

Altro elemento di rilievo è quello relativo all'ipotesi di inserire nuove guarentigie a favore dei medici. Una sorta di di contrappeso per i tagli nelle prestazioni mutuabili.

Quello che lascia perplessi è l'approccio alla questione;
anziché affrontare il tema della responsabilità professionale in modo compiuto, analizzando la tematica secondo criteri professionali e cogliendo l'occasione per ampliare l'analisi a tutte le attività complesse a rischio consentito che possono incorrere in contestazioni giudiziarie, e che comunque possono produrre effetti negativi sulla economia ed efficienza del comparto, prevale invece il mero aspetto economico: in questo caso i costi della medicina difensiva.

La strada da percorrere per un Paese orientato al l'eccellenza nella fornitura dei servizi sociali essenziali, in connubio con principi, anche economici, di primaria importanza e dove l'amministrazione pubblica e i fornitori dei servizi alla collettività siano visti come traguardanti all'obiettivo suesposto è ancora lunga.

In questo quadro Anacna continuerà comunque, e sempre, a proporre e sostenere nuovi modelli di indagine basati sui paradigmi di valutazione di responsabilità professionale attualizzati ai contesti operativi e che si rivolgano alle origini delle cause.

Articoli più letti

Considerazioni Sulle Limitazioni Operative Di Palermo (LICJ)

Considerazioni Sulle Limitazioni Operative Di Palermo (LICJ)

Il 27 novembre è stata attivata la cosiddetta “fase 2”...

Riflessioni spontanee

Riflessioni spontanee

Giunte in redazione tre lettere a chiarimento della sentenza di...

EAPPRI 3.0: European Action Plan for the Prevention of Runway Incursions

EAPPRI 3.0: European Action Plan for the Prevention of Runway Incursions

Dal 20 novembre appena scorso è stat pubblicata la versione...

Riunione degli Stati Generali

Riunione degli Stati Generali

Il CDN incontra i responsabili di sezione Il giorno 3 marzo...

Incontro ANACNA – Alta Scuola sulla Giustizia Penale “Federico Stella”

Incontro ANACNA – Alta Scuola sulla Giustizia Penale “Federico Stella”

Il 14 novembre 2017, la delegazione ANACNA composta dal presidente...

Social

Calendario News

Dicembre 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

A.N.A.C.N.A.

Associazione Nazionale Assistenti e Controllori Navigazione Aerea

Via Camilla, 39/41 00181 Roma Italia

Tel +39.067842963

Fax +39.0689012864

Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.