Sei qui: HomeNewsEditorialiEditoriale di "Assistenza al Volo" n. 4/2015

Editoriale di "Assistenza al Volo" n. 4/2015

Di recente è tornata agli onori della cronaca la posizione di responsabilità degli addetti alla professione sanitaria e l'impatto del loro comportamento professionale, nella fattispecie la prescrizione di esami clinici e accertamenti specifici, sul bilancio dello Stato.

Il Governo sta valutando d'inserire tagli lineari nelle prescrizioni mediche e sanzioni pecuniarie per i medici non "virtuosi" in funzione del fatto che una certa quantità di esse è ritenuta eccessiva e incide sulla spesa sanitaria nazionale nell'ordine del 10% circa.

I medici, da parte loro rivendicano il diritto di prescrivere quanto ritenuto necessario in virtù della loro professionalità e con l'unico obiettivo di tutelare la salute del paziente.

Ritornano quindi di massimo interesse i temi della cosiddetta "medicina difensiva" e in primis il decreto Balduzzi; contenere dunque gli effetti negativi della medicina difensiva inserendo una limitazione di responsabilità penale in caso di colpa lieve.

Ma è questo il reale problema che sottende l'intervento legislativo?

Altro elemento di rilievo è quello relativo all'ipotesi di inserire nuove guarentigie a favore dei medici. Una sorta di di contrappeso per i tagli nelle prestazioni mutuabili.

Quello che lascia perplessi è l'approccio alla questione;
anziché affrontare il tema della responsabilità professionale in modo compiuto, analizzando la tematica secondo criteri professionali e cogliendo l'occasione per ampliare l'analisi a tutte le attività complesse a rischio consentito che possono incorrere in contestazioni giudiziarie, e che comunque possono produrre effetti negativi sulla economia ed efficienza del comparto, prevale invece il mero aspetto economico: in questo caso i costi della medicina difensiva.

La strada da percorrere per un Paese orientato al l'eccellenza nella fornitura dei servizi sociali essenziali, in connubio con principi, anche economici, di primaria importanza e dove l'amministrazione pubblica e i fornitori dei servizi alla collettività siano visti come traguardanti all'obiettivo suesposto è ancora lunga.

In questo quadro Anacna continuerà comunque, e sempre, a proporre e sostenere nuovi modelli di indagine basati sui paradigmi di valutazione di responsabilità professionale attualizzati ai contesti operativi e che si rivolgano alle origini delle cause.

Articoli più letti

Airspace Infringment (UPA)

Airspace Infringment (UPA)

EASA e Autorità Aeronautiche europee lanciano una campagna di promozione...

Riflessioni spontanee

Riflessioni spontanee

Giunte in redazione tre lettere a chiarimento della sentenza di...

Incontro ENAV DSNA - ANACNA

Incontro ENAV DSNA - ANACNA

Il 9 marzo 2018 la delegazione ANACNA composta dal presidente...

Riunione degli Stati Generali

Riunione degli Stati Generali

Il CDN incontra i responsabili di sezione Il giorno 3 marzo...

Pubblicato il nuovo Reg. (UE) n. 805/11 circa ''detailed rules for ATCOs

Pubblicato il nuovo Reg. (UE) n. 805/11 circa ''detailed rules for ATCOs

Promulgato il Regolamento (EU) n. 805/2011 che sostituisce la Direttiva...

Social

Calendario News

Aprile 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6

A.N.A.C.N.A.

Associazione Nazionale Assistenti e Controllori Navigazione Aerea

Via Camilla, 39/41 00181 Roma Italia

Tel +39.067842963

Fax +39.0689012864

Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.